BATTERIE: COME MANTENERLE EFFICIENTI

BATTERIE: COME MANTENERLE EFFICIENTI

Tanti miei amici e conoscenti, anche sul posto di lavoro, mi chiedono consigli su come prolungare la durata delle batterie, segno evidente che l’utilizzo sempre più ampio degli smartphone/tablet/pc portatili ha di pari passo aumentato l’esigenza di avere batterie sempre pronte all’uso.

Devo dire che, prima di dare loro una risposta, mi sono chiesto io per primo se le mie conoscenze fossero ancora aggiornate. Ho quindi iniziato a documentarmi e, dalla somma di varie info tratte da fonti autorevoli, ho tratto le seguenti informazioni e devo dire, con mio stesso stupore, alcune cose non le sapevo neanche io !

Quindi vi invito a leggere con attenzione sperando di fare un po’ di chiarezza.

Il significato di “durata delle batterie”

Intanto chiariamo un concetto: per durata della batteria intendiamo riferirci a due aspetti differenti, anche se connessi tra loro.

  1. Il primo aspetto attiene alla durata intesa come consumo giornaliero.

2. Il secondo aspetto attiene alla durata della batteria intesa come ciclo di vita, ovvero fino alla definitiva sostituzione.

Questi due aspetti seppur dipendenti tra loro (minore è il consumo, minore saranno le volte che dovrò ricaricare, maggiore sarà la durata della vita della batteria) comportano azioni differenti da parte dell’utente.

Parleremo in questo articolo di come ridurre il consumo giornaliero, rimandando ad un altro articolo le azioni da compiere per aumentare la vita della batteria.

Quali azioni intraprendere per ridurre il consumo giornaliero della batteria e ridurre in questo modo il numero di ricariche.

applicazioni

Cancella Facebook !  scherzo ovviamente….ma fino ad un certo punto!

Telegram, Whatsapp, Skype, Instagram, ecc.ecc. sono comunque applicazioni che abbiamo più o meno tutti e che consumano la batteria.

Come possiamo procedere quindi? Intanto diciamo che il consumo giornaliero della batteria è influenzata da una miriade di fattori.

Quindi, cominciamo a disinstallare le Apps che non utilizziamo o che possiamo farne a meno. Spesso non ce ne rendiamo conto, ma installiamo applicazioni che possono essere consultate altrettanto facilmente via browser internet. Mi riferisco per esempio alle app di ecommerce, ma anche alle app del meteo

Come secondo passo, andiamo a togliere le notifiche, lasciando solo quelle che riteniamo veramente indispensabili.

Installiamo le apps in versione Lite (per esempio esistono per Maps, Facebook, Messenger di Facebook ecc.ecc.) che sicuramente impegnano una minore quantità di memoria e consumano meno batteria.

Disattiviamo l’uso dei dati in background (lo trovate all’interno delle info di ogni applicazione).

Utilizziamo il “tema scuro” ove possibile. Più guardiamo lo schermo con un tema chiaro, più energia consumiamo.

Togliamo la funzione vibrazione, sia per le notifiche, sia per il feedback di scrittura, sia quando la usiamo come suoneria. Attiviamola solo quando necessario: infatti, attivare il motore della vibrazione consuma più energia di una semplice suoneria.

Per quanto riguarda le mail, non le lasciamo in “push” se non ne abbiamo estremo bisogno, ma settiamo un giusto tempo di “compromesso” (15 minuti, 30 minuti 1 volta al giorno) di compromesso per evitare il consumo utilizzo della rete dati.

Togliamo eventuali widget che seppure carini non sono fondamentali. per Esempio l’app meteo con il relativo widget sul nostro schermo: utilizziamo quando serve il browser web e visitiamo “on demand” la pagina del meteo.

Se usiamo spesso google maps quando ci muoviamo, una azione importante è quella di scaricare la mappa sul telefono: eviteremo di utilizzare la rete dati e il consumo della batteria ne risentirà positivamente (provare per credere).

Impostazioni del telefono

Abbiamo già detto della funzione vibrazione a riguardo delle notifiche e suonerie.

Aggiungiamo ora che vi sono altre impostazioni del nostro smartphone che spesso lasciamo accese ma che potremmo farne a meno.

Mi riferisco al bluetooth, al wifi, alla rotazione automatica, al GPS.

Utilizzate questi strumenti solo quando vi servono e spegneteli quando non vi servono (per esempio la notte !)

P.s.: provate a vedere se NFC è acceso! Scommetto che tanti di voi neanche lo sanno. È una di quelle cose che francamente non comprendo. Quando si effettua il reset del telefono, oppure si acquista un telefono nuovo, trovo spesso che al primo avvio l’NFC attivato.

E’ una funzione che viene ancora utilizzata poco, ma che consuma la vostra batteria !

In certe situazioni provate anche a togliete la funzione di “luminosità automatica” e settate manualmente la luminosità del display ad un grado che è sufficiente per coprire le svariate situazioni ambientali. Il sensore della luminosità verrà disattivato e la batteria ne guadagna in durata.

grazie per l’attenzione e lasciate i vostri commenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: